cerca nel sito
english italiano Meteo Cascina
twitter facebook
 

Viaggio tra i dolci colli che custodiscono benessere

Situata nel cuore delle Colline Pisane, ad un altitudine di 125 metri s.l.m. Casciana Terme ha assunto nella storia vari nomi: dall’antico Bagno di Aqui, a quello di Aquisana, di Bagni delle Acque, Bagni di Collina, per giungere al più recente Bagni di Casciana, risalente al 1956; già da tale successione di nomi è facile intuire come da sempre le sue acque termali godano di importante notorietà.

Casciana Terme è situata su una incantevole collina, tra olivi e vigneti, nelle Colline Pisane.
La sua storia è strettamente legata alle proprietà terapeutiche delle acque che vi scorrono dando vita alle Terme. Le origini di Casciana risalgono al periodo etrusco come da recenti ritrovamenti archeologici nell’area di Parlascio. Le memorie scritte più antiche, risalgono al IX secolo ed attestano l’esistenza della Pieve di Santa Maria ad Acquas, in un documento dell’archivio vescovile di Lucca.

Una bolla del 1148 poneva in risalto per la prima volta le virtù terapeutiche delle acque termali di Casciana, in particolare per le malattie della pelle. Nel XII secolo Casciana (Aqui) era sede di un castello con mura e torri, ubicato nel nucleo di Petraia dove ancora oggi è visibile una bella torre medioevale, la Torre Aquisana.
Casciana è comune dal 1927.

Le Terme di Casciana - Sebbene molti studiosi affermino che le acque termali di Casciana fossero già conosciute dai romani, la costruzione oggi documentata del primo stabilimento termale fu opera di Federico da Montefeltro, Signore di Pisa, nel 1311.

Nel 1460, dopo quasi due secoli, venne restaurato per la prima volta dai “Magnifici Signori Fiorentini” per ordine del Granduca di Toscana Leopoldo I, che visitò per due volte le Terme e vi apportò nel 1596 ulteriori miglioramenti. Con i Lorena, fra ‘700 e ‘800, riprende l’attenzione del Granducato per le Terme cascianesi e nel 1824, per ordine di Ferdinando III, si avvia un nuovo progetto di ristrutturazione. Si arriva così al 1870 e al nuovo stabilimento realizzato dall’architetto Poggi, famoso per aver realizzato il Piazzale Michelangelo a Firenze.

Le Terme iniziano, allora, il loro periodo di maggior successo, con l’introduzione di notevoli cambiamenti tecnici, funzionali e più che altro architettonici. La pregevole struttura neoclassica della facciata delle Terme ha mantenuto ad oggi gli stessi caratteri originari.
In centro, attiguo alle Terme, è situato il Parco Termale con la piscina termale, rigoglioso verde e freschi viali ideali per distensive passeggiate.

Luoghi di Pregio

Torre Aquisana e Corte Aquisana dell’abitato di Casciana. La corte di Aqui è attestata per la prima volta in una carta del 1024, con funzione di centro organizzativo e direzionale per lo sfruttamento agricolo del territorio circostante. La Torre aveva invece anche valenza difensiva, come struttura di avvistamento, forse in collegamento visivo col vicino castello di Vivaia. Intorno gli edifici rivelano ancora le strutture originarie in pietra e laterizio del borgo medioevale.

Torre Aquisana (2.1 Mb)

 

Il Gran Caffé delle Terme - Con dipinti in stile Neoclassico e Liberty.
Luogo molto elegante e raffinato, arredato con mobili in stile. Il ristorante interno ha un menù ricco ed invitante, e una prestigiosa carta dei vini. Sono serviti solo i più squisiti e pregiati prodotti locali, rigorosamente di stagione.

 

Via Roma: Il Campanile - Il primo disegno del Campanile, eseguito dall’Arch. Bellincioni, fu realizzato a partire dal 1907. L’opera, rimasta incompiuta per circa 20 anni, fu ripresa nel 1925 e continuata secondo il progetto modificato dagli Ingg. Severini e Buoncristiani. Realizzata in laterizi e travertino locale è dedicata alla memoria dei caduti militari e civili delle guerre mondiali del secolo scorso.

 

Villa Prato-Lami - Costruita nel 1803, come riporta la scritta sul frontone, la facciata e molte altre sale interne sono affrescate. La villa è arredata con mobili d’epoca, stampe e dipinti di valore. La grande cucina retrostante conserva stoviglie in rame. Nel parco della villa si trova una cappellina affrescata (proprietà privata).

 

Via del Botro - Una delle vie più suggestive di Casciana, lungo il muretto che delimita il parco della villa Prato-Lami, con splendida vista sulla villa e l’apparire della Torre Aquisana tra i rami degli olivi. Sull’altro lato il parco dell’Hotel Villa Margherita. In fondo piazza e chiesetta di San Martino.

 

Piazzetta del Mercato Vecchio - Un altro tra gli scorci più belli di Casciana. Una piazzetta raccolta e silenziosa. Fra i banchi in pietra del vecchio mercato, attorno alla fontana in ghisa, pare ancora di udire il richiamo dei venditori di erbe e prodotti della campagna.